Link
Statistiche
Online dal 2012
  • Visitatori oggi -
  • Visitatori totali -
Annunci Google

Articoli marcati con tag ‘semola’

postheadericon Ravioli della Domenica

Quando ero piccola la Domenica era un giorno per me speciale. Non perchè la scuola era chiusa ma perchè c’era il pranzo della nonna. Sono la più piccola della casa e i miei ricordi sono davvero pochi e offuscati, ma ricordo che da mia nonna il pranzo della domenica era sacro e mia nonna era la miglior cuoca del mondo. Il primo che non poteva mai manca erano i ravioli (rigorosamente fatti in casa) ricotta e spinaci o i cannelloni. Per lo meno è quello che io ricordo, o forse li ricordo perchè era buonissimi. Tutt’ora i ravioli sono una delle paste che preferisco di più. Ne ho provati di tutti i tipi ma i classici ricotta e spinaci sono intramontabili. Se aggiungiamo a questi ricordi il fatto che mi avevano regalato una confezione di Senatore Cappelli macinata a pietra il risultato è garantito.
In un boccone mi sono ritrovata seduta al grande tavolo rotondo di mia nonna..

Ingredienti:

500 gr Senatore Cappelli (o semola)
5 uova
sale
600 gr ricotta di pecora
500 gr circa di spinaci cotti
sale
pepe

Per il condimento:
olio
aglio
pelati
sale

Iniziamo preparando la pasta fresca. Nella planetaria mettiamo la farina e aggiungiamo man mano le uova e per ultimo il sale. Lo stesso processo naturalmente si può fare a mano.

IMG_8551_

Mentre la pasta riposa prepariamo il ripieno. Sminuzziamo bene gli spinaci. Lavoriamo la ricotta aggiustandola di sale e pepe e aggiungiamo gli spinaci.

Iniziamo a tirare la sfoglia con la nonna papera o a mano, nè troppo spessa nè troppo sottile.

IMG_8818_

IMG_8832_

Infariniamo leggermente lo stampo da ravioli e adagiamo una sfoglia facendo prendere la forma dello stampo. Con l’uso di un sac-à-poche riempire i ravioli con il composto di ricotta e spinaci.

IMG_8834_

Ricopriamo con un’altra sfoglia.

IMG_8847_

Tagliamo i ravioli con l’uso del matterello.

IMG_8849_

Continuiamo fino a terminare gli ingredienti.

IMG_8851_

IMG_8854_

Per condirli io ho usato un sughetto di pomodori pelati cotto in padella, ma potrete optare per ciò che preferite.

IMG_8856_

IMG_8858_

IMG_8859_

Io ne ho preparati in abbondanza e surgelato in sacchettini da poter usare all’occorrenza.

postheadericon Focaccia Capitolina

Avevo in mente questa focaccia da tanto tempo e quando mi è arrivata la semola del molino dallagiovanna per un contest non ho potuto non provarla. E’ un focaccia che sa di Roma e dei mercati rionali.

Ingredienti:
400 gr farina Uniqua verde
300 gr acqua
100 gr pasta madre rinfrescata
1 cucchiaino di malto d’orzo
15 gr olio
7 gr sale
2 carciofi romaneschi
olio sale pepe
guanciale

Nella planetaria porre la farina setacciata, il malto e la pasta madre. Azionare la planetaria e aggiungere a filo l’acqua. Ad incordatura aggiungere il sale e per ultimo l’olio sempre a filo.
Ribaltare l’impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e fare due giri di pieghe a tre ad intervalli di 40 minuti. Formare una palla porre in una ciotola coperta. Lasciare a 28 gradi per 1 ora e poi porre in frigorifero per circa 10 ore.
Dopo lo stazionamento in frigo riportare a 28 gradi e far acclimatare per circa 2-3 ore.

IMG_8120_
Nel frattempo pulire i carciofi. Tagliarli a fettine molto sottili e condirli con olio, sale e pepe.
Unghere leggermente la teglia e creare un letto di carciofi. Sul piano stendere con i polpastrelli la focaccia della dimensione della teglia e spostarla sul letto di carciofi e far aderire bene il perimetro.Far lievitare per circa 2-3 ore. Accendere il forno a 250 gradi fino a doratura. Ribaltare la focaccia su un tagliere e arricchire con del guanciale tagliato finemente.

IMG_8127_

IMG_8124_

IMG_8129_

focaccia ai carciofi (2)_

IMG_8135_

Con questo elaborato partecipo al Contest Molino Dallagiovanna indetto dal Gruppo Facebook Pane e Tui … pani
https://m.facebook.com/groups/349374371920870 di Lorenzo Soldini
e sponsorizzato dal Molino Dallagiovanna http://www.dallagiovanna.it/

postheadericon Gnocchi ricotta e zucca al cucchiaio

Per gli amanti della zucca questo è il periodo più bello dell’anno. In questo piatto la apprezzerete ancora di più. Questi gnocchi si sciolgono in bocca. Io ho optato per il classico condimento burro e salvia, ma potete anche buttarvi su condimenti più calorici come una crema di formaggi.

 

Ingredienti:

200 gr zucca cotta in forno
200 gr ricotta
1 uovo
150 gr semola di grano duro
30 gr parmigiano
sale q.b.
burro q.b.
salvia

In una ciotola lavorate la zucca, la ricotta, l’uovo e il parmigiano. Pian piano aggiunge6te la semola. Aggiustaretdi sale e pepe. Il composto ottenuto sarà piuttosto morbido.

IMG_5594

Con l’aiuto di due cucchiai formate delle quenelle e tuffatele in una pentola d’acqua bollente leggermente salata.
Una volta che saranno ben a galla sono cotti.

In una padella fate sciogliere il burro con le foglie di salvia e man mano aggiungete gli gnocchi cotti.

IMG_5595

Spadellate e, quando saranno rosolati, impiattate.

IMG_5607

IMG_5608

IMG_5613

IMG_5612

Provatela e non ne rimarrete delusi!!!

postheadericon Finta frittura di totani

Voglia di frittura di totani ma poca voglia di friggere? Ecco la soluzione!!! La finta frittura! Ok, la frittura è la frittura, ma questa è un ottima alternativa anche più salutistica.

Ingredienti per 2 Persone:

400 gr di totani
14 gamberi
2 limoni
pangrattato q.b.
buccia di limone
semola
sale
olio

Lavare e pulire i totani e tagliarli a striscioline. Pulire i gamberi. Lasciarli marinare nel succo di limone.
Preparare la panatura con un mix di pangrattato, un pò di semola e buccia di limone che gli conferirà quella sensazione di freschezza necessaria.
Il tempo di marinatura può tranquillamente variare dalla nostra fretta. Inserire i gamberi in uno stecco da spiedino.

Impanare accuratamente i totani e disporli in una teglia rivestita di carta forno senza ammassarli uno sull’altro.

Condire con un filo d’olio e infornare a 200° per 15-20 minuti fino a doratura.

Impiattare con fettine di limone.

Buona preparazione a tutti!

postheadericon Chicche di zucca e patate

Arriva l’autunno con i suoi preziosi doni. Uno di questi è la zucca. Ho sempre voluto provare a fare gli gnocchi di zucca. Spesso però prevedono l’utilizzo del sac-à-poche. Mi sono impuntata e ci sono riuscita senza.

Ingredienti per 2 piatti abbondanti:
200 gr zucca al vapore
200 gr patate al vapore
sale
circa 250 gr semola + quella per spolverare la tavola.

Cuocere al vapore la zucca e le patate.

Impastare con la semola. Se vedete l’impasto troppo morbido aggiungere qualche cucchiaio di semola. Io mi sono aiutata con il kenwood.

Far riposare l’impasto e formare gli gnocchi.

Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata e condirli con burro di bufala fuso e salvia.

Impiattare.

Buon appetito!

postheadericon Ciabatte ad alta idratazione

Girovagando sul web ho trovato la ricetta di ciabatte al 90% d’idratazione…mi stuzzicava proprio l’idea di mettere alla prova il mio kenwood con una incordatura quasi impossibile…ma ahimè la ricetta era con lievito di birra. E chi si ricorda come è fatto il lievito di birra…un pò di fantasia e l’ho pastamadrizzata.

Per volesse provare con lievito di birra ecco il link

Ingredienti:
250 gr farina buonpane
250 gr farina petra 1
80 gr pasta madre rinfrescata
1 cucchiaino di malto d’orzo
450 gr acqua
sale q.b. (1 cucchiaino abbondante)

Nella ciotola del Kenwood mettere l’acqua, la pasta madre e il malto. Far partire l’impastatrice con la foglia (gancio K). Quando la pasta madre sarà ben sciolta aggiungere le farine e continuare a lavorare sempre con la K finchè l’impasto non sarà ben aggrappato e semilucido. A questo punto cambiare accessorio e mettere il gancio continuando ad impastare finchè non sarà ben incordato. Riporre in una ciotola leggermente unta e lasciar lievitare. Io ho impastato verso le 23:00 e ho lasciato lievitare tutta la notte.

Spolverare il piano di lavoro con abbondante semola, adagiarci l’impasto e l’aiuto di un taracco procedere con un primo giro di pieghe. Lasciar riposare 30 minuti.

In totale io ho fatto due giri di pieghe con pausa di 30 minuti. Procedere alla pezzatura. Io ho fatto una ciabatta più grande e altre 3 più piccole. Adegiare su un canovaccio ben infarinato.

Dopo circa 2 ore cuocere il pane rivoltandolo su una placca da forno.

Infornare a 240 gradi con vapore (pentolino con acqua sul fondo) per 15 minuti, abbassare man mano la temperatura e lasciar cuocere per un totale di 45 minuti.
Lasciar raffreddare.

Farcire come più si vuole.

Buon appetito!!!

Annunci Google
Facebook
Twitter
Siti Amici
Cerca nel Web