Link
Statistiche
Online dal 2012
  • Visitatori oggi -
  • Visitatori totali -
Annunci Google

Archivio di ottobre 2014

postheadericon Petto d’anatra all’arancia a bassa temperatura

Da quando è entrato nella mia casa l’abbattitore di temperatura Fresco di Irinox mi sono appassionata alla cottura a bassa temperatura. Io la considero una cottura meravigliosa che lascia gli alimenti teneri e succosi. Finora avevo sempre fatto il petto di pollo (intero) con gli agrumi. Ieri invece ho provato l’anatra. Siamo rimasti stupiti dalla tenerezza e dalla bontà.

Ingredienti:
1/2 petto d’anatra (dell’intero animale)
3 arance (oppure 2 arance e 1 limone)
vino bianco q.b.
noce di burro
olio evo q.b.
sale
1 cucchiaino maizena

Innanzitutto pulite il petto d’anatra dagli accessi poi effettuate dei tagli obliqui della pelle del petto.
In una padella fate sciogliere una noce di burro e una lacrima di olio evo e adagiatevi il petto con la pelle rivolta sulla padella e fate rosolare. Una volta rosolata girate e fate sfumare con un goccio di vino bianco.

IMG_5550

IMG_5552

Adagiate l’anatra con i succhi rilasciati in una casseruola e riponete nel Fresco. Impostate il programma cottura a bassa temperatura a 75° per 3 ore. In assenza del fresco, se si ha un forno con programma a bassa temperatura si può fare lo stesso procedimento.

A cottura ultimata avvolgete il petto nell’alluminio e tenete in caldo. Travasate i succhi in un bicchiere. Dopo qualche minuto vedrete che i grassi si separeranno dai succhi. Con un cucchiaino e tanta pazienza o con una siringa medica senza ago eliminate i grassi.

Nella padella doveva avevate rosolato il petto ponete i succhi della carne (privati dei grassi) e il succo di 3 arance e fate ridurre. In un pentolino piccolo sbollentate la buccia di un’arancia.

Se non vi piace il gusto troppo dolce dell’arancia potete mettere 2 arance e 1 limone.

IMG_5556

IMG_5557

Scaloppate il petto.

IMG_5558

Sciogliete il cucchiaio di maizena in una ciotolina con una parte della salsa. Sciogliete bene eliminando eventuali grumi con l’uso di una frusta e aggiungete alla salsa rimasta nella padelle e continuate la cottura finchè non si ridurrà. Salate.

IMG_5559

Scolare la buccia d’arancia e tagliare a listarelle.

IMG_5561

Impiattate e ricoprite la carne con la salsa all’arancia e, in ultimo, con le listarelle di buccia d’arancia.

IMG_5562

IMG_5564

IMG_5565

E ora.. Bon Appetit!!!

postheadericon La mia pizza con pasta madre

Dopo tanto provare e riprovare finalmente ho trovato la mia pizza perfetta. Ben idratata, croccante sotto ma morbida sopra e con delle belle bolle che non guastano mai. Premetto che farla senza impastatrice non è impossibile ma ci vuole un pò di pazienza e pratica perchè molto idratata.

Ingredienti:
500 gr farina 0 (per me petra 3)
380 gr acqua
1 cucchiaino malto
120 gr pasta madre rinfrescata e raddoppiata
1 cucchiaino sale fino
1 cucchiaio olio evo

Condimenti vari

Nella ciotola della planetaria inserite la farina, la pasta madre, il malto e iniziate a far lavorare l’impastatrice aggiungendo a filo l’acqua. L’impasto sarà incordato quando si staccherà dalla ciotola e si aggrapperà tutto al gancio impastatore. Aggiungete l’olio, e, per ultimo, il sale.
Sull’asse infarinato capovolgete l’impasto e fate riposare per 30 minuti. Fate un giro di pieghe a tre.Riponete l’impasto in una ciotola coperta, tenete a temperatura ambiente un’ora e poi riponete in frigorifero per almeno una notte. La mia è stata in frigo 18 ore.
Passato questo tempo tirate fuori dal frigo l’impasto e lasciate a temperatura ambiente l’impasto per circa 2-3 ore finchè non ci sarà riscaldato e sarà ripartita la lievitazione.

IMG_5498

Rovesciate l’impasto sull’asse ben infarinato e fate un unlteriore giro di pieghe a tre. Fate riposare per 45 minuti. Dividete l’impasto in 2 (se volete 2 pizze grandi oppure in 3 se le volete medie).

Spolverate con farina e semola una teglia tonda da pizza (di quelle nere che hanno un leggero rivestimento antiaderente). Sull’asse allargate l’impasto fino a fare una bella pizza tonda e trasferite in teglia.
Fate rilievitare per 2-3 ore (per me 2:30).

IMG_5501

Io ho deciso di condire le pizze in modo un pò diverso: una taleggio pere e noci, l’altra zucchine ricotta di capra e pepe nero. Se optate per la classica pizza margherita condite con pomodoro prima di infornare e qualche minuti prima della fine della cottura aggiungete la mozzarella.

Per la pizza taleggio, pere e noci, ungete leggermente la pizza e fate cuocere qualche minuto. Tirate fuori e aggiungete il taleggio a tocchetti, la pera tagliata a fettine sottilissime con l’aiuto di una mandolina e noci spezzettate.

IMG_5505

IMG_5506

IMG_5507

A questo punto continuate con la cottura.

IMG_5508

IMG_5512

IMG_5516

Per la pizza zucchine, ricotta di capra e pepenero, ricoprite la pizza con zucchine tagliate a julienne, un filo d’olio e un pizzico di sale ed infornate. A cottura quasi ultimata aggiungete quenelle di ricotta di capra e una spolverata di pepe.

IMG_5519

IMG_5520

IMG_5521

Per noi la pizza taleggio, pere e noci ha vinto a furor di popolo!

IMG_5517

IMG_5522

Buona pizza a tutti!

postheadericon Panini dolci per intolleranti

Per chi come me in casa ha un’intollerante a latte vaccino e uova sa che preparare una colazione è un’odissea. Dopo tante prove ho trovato la soluzione approvato a gran voto anche dall’intollerante. Panini dolci sofficissimi e senza troppi sensi di colpa.

Ingredienti:

per il milk roux:
15 gr maizena
150 gr latte di soia

per i panini:
tutto il milk roux che otterrete
1 patata lessata (circa 90 gr)
500 gr farina (per me Petra 3)
130 gr d’acqua
100 gr zucchero
1 cucchiaino di malto d’orzo
100 gr zucchero
60 gr olio (per me di riso, ma potete scegliere evo leggero o semi)
1 pizzico di sale
120 gr pasta madre rinfrescata e raddoppiata
80 gr di cioccolato

Per prima cosa dovete preparare il milk roux. E’ una tecnica che viene dall’Oriente semplicissima. In un pentolinomescolate maizena e latte di soia e mescolate fino a formare una crema. Quando avrà raggiunto i 65° sarà pronta. Se non avete un termometro non preoccupatevi ve ne rendete perchè inizierà a gelificare e ad avere la consistenza di una crema. Fate raffreddare.
Mettete nella ciotola della planetaria (o a mano) farina, patata lessata schiacciata, pasta madre, milk roux raffreddato, zucchero e malto. Man mano aggiungete l’acqua a filo. Una volta terminata l’acqua aggiungete un pizzico di sale. A filo, molto lentamente, aggiungete l’olio. Mi raccomando armatevi di tanta pazienza perchè far assorbire l’olio ci vorrà un pò di tempo. Alla fine di questa operazione avrete un impasto bello liscio, lucido e incordato. Per ultimo aggiungiamo il cioccolato. Io ho optato per il cioccolato per renderli più golosi, ma potete anche mettere uvetta rinvenuta in acqua o canditi, o frutta secca. A voi la scelta.
Trasferite l’impasto sulla tavola e formate una palla.

IMG_5495

IMG_5497

Riponete in unaciotola e dopo un’ora circa ponete in frigo per una notte. Il giorno dopo tirate fuori dal frigo la ciotola e tenete a temperatura ambiente almeno 3 ore affinchè riparta la lievitazione.
Ora passate alla pezzatura dell’impasto. Pirlate porzioni d’impasto da circa 60 gr. Ponete a lievitare fino al raddoppio.

IMG_5499

IMG_5500

Una volta raddoppiate cuocete in forno caldo a 180° per circa 15 minuti. Fate raffreddare e fatevi stupire da questi paninetti.

IMG_5524

IMG_5525

IMG_5527

IMG_5528

Appena sfornati avevano una croccante crosticina e un cuore morbidissimo da essere gustato.

MVI_5523

Buona preparazione

postheadericon Tenerina alla zucca

Ottobre tempo di zucche e fantasmini!!!
La zucca è una delle cocurbitaceae che più amo in assoluto..versatilissima in cucina..allora perchè non produrmene un bel pò?!! e così ho fatto e quest’anno con ottimi risultati…
Di solito la utilizzo con il riso..per fare delle ottime vellutate..minestroni e fritta…e perchè non fare un dolce???? Così ho ricercato nella tradizione emiliana, mia terra d’adozione, e vi propongo così un’ottima alternativa alla solita tenerina al cioccolato!

Ingredienti:

1 zucca di media grandezza (circa 250 gr di polpa di zucca)
3uova
2cucchiai di fecola
180 gr di zucchero
125 gr di burro

Utilizzate una zucca di media grandezza, tagliatela a metà e mettela in forno per 40/45 m a 250 gradi, la polpa deve risultare bella morbida

1

Una volta pronta la zucca preparatevi tutti gli ingredienti: zucca, uova, burro, zucchero e fecola.

2a

Sciogliete il burro a bagnomaria e dividete i tuorli dagli albumi.
Lavorate il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema, aggiungete i tuorli uno alla volta e, infine, la fecola.
2

Aggiungo la zucca settacciata ed amalgamate tutto per bene.

 

3

A parte montate gli albumi a neve fermissima.
4

Aggiungete anche gli albumi al vostro composto inglobandoli dal basso verso l’alto per evitare di smontare il tutto.
5

Vi risulterà un comopsto molto morbido, mettete in una teglia da crostata ed infornate 30/35 minuti a 160 gradi. Sfornatela e servitela fredda.

 

7

Oltre allo zucchero a velo sopra potete metterci scaglie di cacao o amaretti sbriciolati!

 

Buona merenda a tutti!

Annunci Google
Facebook
Twitter
Siti Amici
Cerca nel Web